Tramonti

Scilla (Reggio Calabria)

Qui di seguito, una breve panoramica di foto di tramonto realizzate in località Scilla a Reggio Calabria.

La galleria è preceduta da una breve descrizione della location.

IL LUOGO:

Scilla è una rinomata località turistica situata su un promontorio all’ingresso settentrionale dello Stretto di Messina, conosciuto nell’antichità proprio come Stretto di Scilla. Fa parte della città metropolitana di Reggio Calabria, da cui dista circa 20 km.

Approdo imprescindibile per chiunque visiti la provincia di Reggio Calabria e punta di diamante della Costa Viola, Scilla è innanzitutto, un sublime momento di sintesi tra storia, mito e bellezza, che ne fanno uno dei litorali più ambiti da turisti e amanti del mare che affollano la stupenda spiaggia della Marina Grande.

Una location d’eccellenza, in cui paesaggio e natura si fondono in un unico grande spettacolo di colori e sensazioni. Vivere il mare in questo fazzoletto incantato regala i privilegi di un’acqua cristallina, di fondali ricchi di biodiversità, di tramonti indimenticabili attraverso cui scorgere, oltre lo Stretto, l’arcipelago delle isole Eolie.

 I POSTI:

Quattro porzioni di territorio concorrono a formare l’assetto urbano di Scilla, ovvero quattro differenti anime ciascuna contraddistinta da una propria connotazione storica e sociale.

Cuore pulsante e autentico del paese, il quartiere San Giorgio racchiude il centro storico, dalla piazza San Rocco, dominata dalla Statua della Sirenetta, adagiata su un costone di roccia a strapiombo da cui si dischiude una vista mozzafiato sullo Stretto di Messina, fino all’antico abitato di Bastìa, dalle caratteristiche casette basse che si affacciano su ripidi vicoletti.

Prettamente residenziale, Jeracari, completa invece la parte alta di Scilla. Sinonimo d’estate è poi la Marina Grande che ospita il lungomare e la grande spiaggia che durante la bella stagione si accende dei colori vivaci che caratterizzano gli stabilimenti balneari. Un meraviglioso litorale incastonato tra il Belvedere Morselli e la gigantesca rocca su cui sorge il Castello Ruffo. 

Talvolta noto anche come castello Ruffo di Calabria, Il castello Ruffo di Scilla è un’antica fortificazione situata sul promontorio scillèo. Il castello costituisce il genius loci della cittadina di Scilla, ed è sicuramente uno degli elementi più caratteristici e tipici del paesaggio dello Stretto e del circondario reggino. Il castello ospita inoltre uno dei fari della Marina Militare, il faro di Scilla.

 Più volte distrutto durante i terremoti, oggi, dopo un lungo restauro, è stato destinato a diventare un centro culturale: ospita infatti il Centro regionale per il recupero dei centri storici calabresi ed è sede di mostre e convegni.

Scrigno prezioso è infine Chianalea (a Chjanalèa) ossia Piana delle Galee, nome delle antiche imbarcazioni utilizzate per la caccia al pescespada.

Chianalea offre solo pochi metri di spiaggia essendo quasi tutta la sua costa costituita da scogli e rocce che rendono pericoloso e difficile entrare in acqua. Elemento piacevole della zona è il grande numero di case, ristoranti e alberghi costruiti quasi tutti a ridosso del mare, che le hanno valso il soprannome di “piccola Venezia del Sud“.

Inserito nella lista de I borghi più belli d’Italia Chianalea è stato inoltre segnalato dalla CNN come uno dei 20 paesi più belli d’Italia.

MITI E LEGGENDE

È una storia piena di passione, amori non corrisposti, feroci vendette e un drammatico epilogo, quella che narra delle gesta mitologiche di dei e mortali nello specchio d’acqua che separa Reggio da Messina. È la storia di Scilla (colei che dilania), ninfa dalla bellezza sconvolgente, trasformata dalla maga Circe nell’orrendo mostro che da secoli secondo la leggenda funesta le acque dello Stretto insieme a Cariddi (colei che risucchia), devastante creatura marina creata da Zeus capace di ingoiare e rigettare l’acqua del mare per tre volte al giorno causando mortali vortici.

Non tutti sanno che fino al XVIII secolo sotto la rocca di Scilla era presente una formazione di scogli molto particolare, essi davano l’impressione di una creatura mostruosa che usciva dalla grotta. Al tempo dei greci, le mareggiate erano frequenti e le imbarcazioni che passavano per lo Stretto venivano spinte dal mare contro la rocca. Con il mare in burrasca e gli scogli che dilaniavano le imbarcazioni causando la morte di molti, nacque il mito del mostro di Scilla.

Secondo Omero, qui vivevano le sirene che, con la loro voce melodiosa, incantavano i marinai: solo il furbo Odisseo riuscì ad ascoltarle senza conseguenze, dopo aver ordinato ai suoi uomini di legarlo all’albero maestro della sua nave. Per questo motivo la spiaggia di Scilla è conosciuta anche come Spiaggia delle sirene.

NB: La presente galleria è in continuo aggiornamento. Tornate a visitarla periodicamente perchè vi è sempre la possibilità che possiate trovarvi nuovi scatti.

Come mi muovo nella galleria?
  • Che tu stia visionando questa pagina da PC fisso, portatile, tablet o smartphone, per attivare la presente galleria, ti basterà cliccare su una qualsiasi delle foto presenti più in basso. In questo modo azionerai la modalità "lightbox" che ti consentirà di vedere le foto a dimensione più grande.
  • Per passare da una foto all'altra, ti basterà quindi scorrerle con la mano (se usi un dispositivo touch) o cliccando su una delle due frecce direzionali, destra per la successiva (>) e sinistra per la precedente (<), che trovi ai lati della foto o anche sui comandi della tastiera (◄ ► se usi un PC, laptop o tablet).
  • Per chiudere la galleria e ritornare a questa pagina, ti basterà invece cliccare sul pulante Chiudi "Close (Esc)" (simbolo di colore bianco) situato in alto a destra di ogni foto (da non confondere con quello su sfondo rosso della finestra/scheda , posto un po' più in alto, con cui invece chiuderesti la pagina!).
  • Buona navigazione!

Tramonti (Scilla – Reggio Calabria) | Photo Gallery

NB: Le immagini presenti in questa galleria sono state adattate per il web. Se interessati alle immagini hires (high-resolution/ad alta risoluzione) e text/logo less (senza logo o testo), potete contattarmi in privato.

Vedi altri album di Tramonti

Manuela-Facci-Avatar

MANUELA FACCÌ

Mi chiamo Manuela Faccì, blogger e fotografa freelance specializzata in foto di spettacolo ed eventi dal vivo a Reggio Calabria e provincia. I libri e la lettura sono invece la mia seconda passione che, da un po', mi diletto ad esercitare su Librangolo, il blog in cui mi occupo di recensioni e notizie letterarie.

Lascia un commento

Ai fini di una migliore leggibilità delle discussioni (soprattutto di quelle molto partecipate), si consiglia di iniziare sempre un nuovo commento compilando i campi sopra il pulsante "Invia commento". A meno che non vogliate rispondere ai commenti già inseriti da altri utenti. In quel caso utilizzare prima il pulsante "Rispondi".

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fotografa freelance disponibile per lavori di fotografia

a Reggio Calabria e provincia

Pin It on Pinterest