Manuela Faccì

Fotografa professionista a Reggio Calabria
manuela-facci-bio-01

Chi sono

Benvenuti, il mio nome è Manuela Facci e sono una fotografa professionista che opera soprattutto a Reggio Calabria e provincia.

Vorrei potervi raccontare una storia interessante e commovente sulla passione per la fotografia nata all’età di 3 anni quando mia madre mi mise in mano una Polaroid, ma non è andata proprio così… In verità, io e lei ci saremmo conosciuti molto dopo e, almeno all’inizio, un po’ per gioco

La Mia Storia

Come capita a molti, quando ci si approccia ad una professione, tutto è iniziato un po’ per caso, quando nel 2014, seguendo allora varie pagine social dedicate alla fotografia, ho inviato alcuni dei miei primi scatti di ritratti femminili e paesaggi (vedi gallery seguente) ad uno dei tanti contest fotografici organizzati su facebook da vari gruppi di fotografia. Potete quindi immaginare la mia sorpresa quando mi capitò persino di essere (simbolicamente) premiata.

Quindi proprio dai social è nato tutto: i primi contatti, l’acquisto della mia prima reflex (una Nikon D-3200 pagata a rate), e le prime collaborazioni. Dapprima con un fotografo specializzato in matrimoni e cerimonie, a cui inizialmente bastava non facessi cadere la sua attrezzatura e fossi in grado di sostituire, alla velocità della luce, i vari obiettivi adatti alla resa delle sue inquadrature nel corso delle lunghe giornate di lavoro in cui l’ho affiancato per qualche anno. Ho imparato molto ed è stata una preziosa opportunità, che mi ha portato, anche grazie a dei corsi di formazione fotografica che ho frequentato nella mia città, Reggio Calabria, tra il 2015 e 2017, ad approfondire i segreti e i mille aspetti di un mondo che ti aiuta davvero a conoscere la realtà che ci circonda in modi molto più profondi e interessanti rispetto a come la maggior parte di noi, è abituato a fare.

manuela-facci-bio-02

Esperienze

Una delle esperienze più forti, belle, ma anche più difficili venute dopo, è stata la mostra fotografica “Hope Space”, allestita all’ingresso del Teatro Cilea di Reggio Calabria, assegnatami nel dicembre 2019 dall’agenzia di eventi e comunicazione Publidema, che in quel periodo ha avuto a cuore la causa dell’Hospice della mia città che, a rischio chiusura, necessitava di sostegno.

Col tempo, neanche troppo lungo, pur continuando ad occuparmi di fotografia di ritratto, paesaggio e di feste e cerimonie, ho individuato ciò che mi viene più naturale foto-documentare, orientandomi prevalentemente sui reportage di fotografia di spettacolo.

Dapprima per mio diletto personale, fotografando dal pubblico vari concerti, i cui scatti hanno fatto il giro delle pagine social di vari artisti e di alcune importanti testate giornalistiche web locali, facendo sì che, nell’estate del 2021, lo staff social della cantante Francesca Michielin, mi commissionasse personalmente gli scatti di un suo concerto previsto nella mia città, organizzato da Ruggero Pegna, creatore della rassegna musicale e di spettacolo “Fatti di musica”. Inutile dirvi che incredulità e gioia possa essere stata per me!

Chi sono oggi

Ed eccoci infine, a quello che sono oggi, Febbraio 2022, sperando di tornare presto ad occuparmi, a 360°, di ciò che amo di più, e che questi 2 anni di pandemia hanno reso un po’ più complicato e in certi casi impossibile, realizzare, specie in questo settore. Una lunga pausa forzata, in cui per molti di noi è stato necessario reinventarsi o dedicarsi ad altri mestieri e/o passioni, come è nel mio caso quella che ho da sempre per i libri, e che qualche mese fa, ho anche trasferito su carta, o meglio sul web, con Librangolo, l’altro mio sito in cui, con l’aiuto di alcuni preziosi e validi collaboratori, mi occupo di recensioni e notizie letterarie.

Anche se l’amore più grande rimane naturalmente quello per la fotografia. Magari non il primissimo amore, come ho già spiegato, ma mi piace pensare quello a cui ero forse destinata e sicuramente in grado di regalarmi ancora oggi le più grandi emozioni, come quelle provate quando vincevo un contest sui social con una semi-professionale.

Oggi l’attrezzatura è cambiata, e sono cambiata io, ma è rimasta la tenacia, la perseveranza e la foga di chi sa di essersi svegliata un po’ tardi e ha perciò un intero mondo da recuperare e ancora da scoprire.

Testimonial

Manuela, cuore gentile ed occhi accesi sul mondo a carpirne i segreti ed i miracoli, attraverso il mirino del suo obiettivo, che più di una volta ho avuto il piacere di avere addosso durante i miei concerti e le occasioni in cui abbiamo lavorato insieme. Mani che compiono l’incantesimo dello scatto giusto ad occhi chiusi, con presenza ferma come amazzone sulla folgore e il dono di saper mettere a proprio agio chiunque, di fronte la macchina fotografica e non solo…

Rosamaria Scopelliti – Vocalist dei Mattanza

Saper fotografare un evento musicale è autentica arte, quel valore aggiunto che regala emozioni anche quando l’evento è passato e diventa un ricordo. Saper fissare per sempre la suggestione di un momento, centrando l’attimo giusto, l’espressione di un artista, l’entusiasmo del suo pubblico, la particolarità di un luogo, è un dono che solo pochi possiedono. Farlo in modo discreto, con garbo e gentilezza, nel nostro settore è una capacità apprezzata, quella che non ci fa neppure accorgere della sua presenza. Manuela è più di un fotografo, è lei stessa un’artista creativa e sensibile, capace di emozionare con i suoi scatti, regalando a chi sfoglia le sue foto il senso stesso di un evento, la gioia di aver saputo catturare immagini uniche da regalare al tempo!

Ruggero Pegna – Promoter, Direttore Artistico,
Responsabile Rassegna Fatti di Musica

Conosco Manuela da un paio d’anni, un tempo sufficiente per carpirne la persona sensibile, sognatrice e acuta osservatrice. Doti che riesce a trasferire anche nelle sue vesti di fotografa, che ho avuto modo di apprezzare nelle varie collaborazioni fatte insieme e che riesce a far venire fuori anche nella sua capacità di stare davanti alla macchina fotografica (avendo posato spesso per me), non solo dietro, e che le permette di capire ancor meglio come funzionano i vari aspetti di questo lavoro, comunicando le sue qualità interiori, in tutto quello che svolge.

Antonio Sollazzo – Fotografo

Fotografare è porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore

– Henri Cartier-Bresson

A cosa serve una grande profondità di campo se non c’è un’adeguata profondità di sentimento?

– W. Eugene Smith

Pin It on Pinterest